P a e s a g g i M o n t a n i

 

Lanzarote

  

 


Lanzarote è bellissima, fa parte dell'arcipelago delle Canarie (Spagna) ed è di origine vulcanica. Il terreno lavico e la presenza di innumerevoli coni vulcanici, specie nella zona del Timanfaya National Park, conferiscono a quest'isola un aspetto cupo e affascinante allo stesso tempo, sembra di essere sul suolo lunare. Lanzarote però è anche e soprattutto mare, quindi coste e mare cristallino. L'entroterra è ricco di paesini affascinanti, tra i tanti ricordo Teguise, antico capoluogo dell'isola. Le impressionanti distese di lava solidificata che formano l'isola di Lanzarote fanno di Timanfaya la terra dei vulcani.

Le diverse eruzioni vulcaniche e l'attività magmatica nel corso del tempo hanno definito l'aspetto attuale di queste terre. Dal belvedere naturale di Montana Rajada si può ammirare un immenso mare di lava che si estende fino a raggiungere la costa. Lo spettacolo è davvero emozionante: ondulazioni, forme contrastanti create dalla lava. Gli abitanti dell'isola hanno imparato a convivere nel tempo con questo paesaggio, insolito, aspro e di struggente bellezza, riuscendo ad impiantare, su terreni non irrigui, piantagioni di meloni, cipolle, pomodori e vigneti nella zona della Geria. 

Timanfaya National Park

K20D, DA 16-45 f.4 ED-AL+GND, 100 iso

K20D, DA 16-45 f.4 ED-AL+CPL+GND, 100 iso 

K20D, FA*28-70 f.2,8 AL+CPL+GND, 100 iso

Lanzarote è un'isola dal marcato carattere vulcanico, ma è anche vero che l'oceano Atlantico che la circonda ne rappresenta il perfetto contrapposto. Quando l'acqua e il fuoco si incontrano non possono non sorgere imponenti esplosioni, vapori e suggestivi paesaggi danteschi. E' il caso di Los Hervideros, stupenda località caratterizzata da alte scogliere rocciose a picco sul mare che percosse dalle onde dell'oceano Atlantico, generano una sorta di nebbia e di vapore che fa quasi ribollire l'acqua (hervir in spagnolo significa infatti bollire).            

K20D, DA 16-45 f.4 ED-AL+GND, 100 iso

Nel 1730, dopo l'eruzione del Timanfaya, la lava si raffreddò creando un anfiteatro aperto sul mare. All'interno, nel tempo, è affiorata l'acqua del mare formando così uno splendido lago le cui acque sono di un verde smeraldo. El Golfo, così si chiama il sito, è collegato al mare da stretti passaggi sotterranei ed è separato da esso da una spiaggia di sabbia scura. Il colore verde del lago è dovuto alla presenza di organismi vegetali che vivono in sospensione.                       

K20D, DA 16-45 f.4 ED-AL+GND, 100 iso

Le Salinas de Janubio sono sicuramente tra le attrattive più importanti di Lanzarote. Si tratta di un esteso complesso di saline che si estendono per centinaia di metri tra un promontorio panoramico e la spiaggia. Le saline si trovano presso una laguna di origine vulcanica che creò una sorta di lago d'acqua salata all'interno della costa. Evaporando l'acqua del mare rilascia una grande quantità di sale che nei decenni passati ha costituito una importante fonte di reddito per l'isola.                                 

K20D, FA*28-70 f.2,8 AL+CPL+GND, 100 iso

Playa Papagayo

K20D, FA*28-70 f.2,8 AL+ND, 100 iso 

K20D, DA 16-45 f.4 ED-AL+GND, 100 iso

K20D, FA*28-70 f.2,8 AL+ND, 100 iso

Situata nella parte centrale dell'isola di Lanzarote si trova Teguise, nella provincia di Las Palmas. Teguise è la vecchia capitale di Lanzarote, è qui che è stato costruito il primo teatro dell'isola ma anche la prima chiesa. Teguise è famosa per il suo mercato a cielo aperto, il più grande di tutta l'isola.                                     

K20D, FA*28-70 f.2,8 AL, 100 iso

La Geria

K20D, DA 16-45 f.4 ED-AL+GND, 100 iso

Il Mirador del Rio si trova sulla scogliera del Risco de Famara, a circa 400 metri di altitudine, e offre incantevoli vedute panoramiche dell'isola di Lanzarote. Qui c'è uno degli edifici più rappresentativi dell'architetto César Manrique.                                             

K20D, FA*28-70 f.2,8 AL, 100 iso